CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Letteratura ed Editoria

Cerca nel blog

lunedì 11 dicembre 2017

PREMIO RADUGA CERCA NUOVI TALENTI LETTERARI ITALIANI E RUSSI. PUBBLICATO BANDO 2018

IL PREMIO RADUGA CERCA NUOVI TALENTI LETTERARI ITALIANI E RUSSI

PUBBLICATO IL BANDO PER PARTECIPARE ALLA IX EDIZIONE DEL CONCORSO LETTERARIO

 

Verona, 11 dicembre 2017. Il premio "Raduga" torna a cercare talenti in Italia e in Russia per la sua IX edizione, in programma il prossimo anno. 

È stato infatti pubblicato il bando per partecipare, gratuitamente, al concorso letterario riservato ai giovani autori e traduttori italiani e russi tra i 18 e i 35 anni.

Due le giurie, composte da esponenti del mondo editoriale e letterario dei due Paesi, che valuteranno racconti e traduzioni per eleggere i vincitori, italiani e russi, nelle due categorie 'Giovane narratore dell'anno' e 'Giovane traduttore dell'anno'. 

Il termine ultimo per l'invio degli elaborati (che devono pervenire alla mail raduga@conoscereeurasia.it) è il 20 gennaio 2018. Oltre alla pubblicazione delle opere sull'Almanacco letterario bilingue edito da Conoscere Eurasia, i vincitori riceveranno anche un premio in denaro: 5.000 euro per il 'Giovane narratore dell'anno' e 2.500 euro per il 'Giovane traduttore'.

Nato nel 2010 per promuovere l'interscambio culturale tra Italia e Russia, il Premio Raduga  è promosso dall'Associazione Conoscere Eurasia di Verona e dall'Istituto Letterario Gor'kij di Mosca in collaborazione con la Fondazione Russkij Mir e il Centro Russo di Scienza e Cultura a Roma (RosSotrudnichestvo), con il patrocinio dell'Agenzia Federale per la stampa e le comunicazioni di massa della Federazione Russa (Rospechat') e il sostegno di Banca Intesa Russia, Fiera Milano Congressi e Siirtec Nigi S.p.A. La premiazione si terrà a Irkutsk, città della Russia siberiana, il 29 giugno 2018.

La giuria italiana del Premio è composta da Inge Feltrinelli (presidente), Marco Drago, Flavio Ermini, Maria Pia Pagani, Stefania Pavan e Alberto Rollo.

 

Link per scaricare il bando: http://www.conoscereeurasia.it/files/raduga/raduga_2018/Raduga_2018_Bando.pdf



--
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 8 dicembre 2017

Esce “Voci per la libertà - Una canzone per Amnesty”, con Fossati, Mannarino, Consoli, Silvestri e molti altri

ARRIVA "VOCI PER LA LIBERTÀ - UNA CANZONE PER AMNESTY",

IL LIBRO SUI 20 ANNI DEL FESTIVAL CHE LEGA MUSICA E DIRITTI UMANI

CON IVANO FOSSATI, DANIELE SILVESTRI, CARMEN CONSOLI, MANNARINO E MOLTI ALTRI

PRESENTAZIONI A ROVIGO E ROMA IL 9 E 10 DICEMBRE


Esiste in Italia un festival legato ad Amnesty International, che unisce musica e diritti umani. 

Si chiama "Voci per la Libertà – Una Canzone per Amnesty" e quest'anno compie vent'anni.

Per l'occasione esce un libro che racconta le emozioni e i contenuti di questo percorso ventennale, una grande opera corale a cui hanno voluto dare un contributo molti dei protagonisti di questi due decenni, da Ivano Fossati a Daniele Silvestri, da Carmen Consoli a Mannarino, da Paola Turci a Simone Cristicchi dal presidente di Amnesty International Italia Antonio Marchesi al portavoce Riccardo Noury sino ad alcuni dei volontari che rendono possibile ogni anno la manifestazione a Rosolina Mare, in provincia di Rovigo.

Saranno due le presentazioni ufficiali del libro, che esce in concomitanza con l'anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani, il 10 dicembre.

La prima nella provincia in cui è nato e si è diffuso il festival, sabato 9 dicembre a Rovigo alle 21 all'Auditorium del Conservatorio Venezze con i live di Diodato, ospite all'ultima edizione del festival ed Elisa Erin Bonomo, vincitrice del Premio della Critica a Voci per la Libertà 2017. Conduce Carmen Formenton.

La seconda sarà domenica 10 dicembre a Roma alle 18 al teatro Eduardo De Filippo dell'Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini (laboratorio di alta formazione della Regione Lazio), con i live degli Amarcord, vincitori del Premio della Giuria Popolare all'ultima edizione del festival, e di Carlo Valente, neodiplomato dell'Officina Pasolini e vincitore dell'edizione 2017 del "Premio Amnesty International Italia Emergenti".

Altri neodiplomati dell'Officina, Marat (Marta Lucchesini), Rita Ferraro, Andrea Caligiuri, Paola Bivona e Francesco Anselmo, saliranno sul palco per eseguire brani significativi della storia di Voci per la libertà. Conducono Enrico Deregibus e Savino Zaba.

Di Valente è appena uscito il videoclip, prodotto da "Voci per la Libertà", di "Tra l'altro", un brano dedicato a Federico Aldrovandi.

Durante gli incontri saranno presenti numerosi protagonisti del libro, come Michele Lionello (curatore del libro nonché ideatore e direttore artistico di Voci per la libertà), Riccardo Noury (Portavoce Amnesty International Italia), Giovanni Stefani (Presidente Voci per la libertà), Marta Dolcetto (Volontaria Voci per la libertà), Antonio Marchesi (Presidente Amnesty International Italia), Mirella Zambello (Sindaco di Villadose fino al 2010), Daniele Grossato (Vicesindaco di Rosolina), Melania Ruggini ( ideatrice e curatrice di Deltarte), Alberto Gambato e Laura Fasolin (autori di 'Presi a caso'), Marco Cortesi (attore e regista), Silva Rotelli (fotografa), Patrizia Vita (Ufficio Comunicazione Amnesty International dal 2003 al 2013), Versi Banditi (Premio Amnesty International Italia Emergenti 1998), Mud (Premio Amnesty International Italia Emergenti 2009 e 2014), Marmaja (Premio Giuria Popolare 2014), Anna Luppi (Premio Web 2014), Adolfo Durante (Premio Amnesty International Italia Emergenti 2015) e Nevruz (finalista 2017).

Il volume, intitolato come il festival "Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty", racchiude 176 pagine a colori che alternano testi e foto. Un caleidoscopio di frammenti e ricordi da tutte le edizioni di questo festival partito in sordina nel 1988 da Villadose, un piccolo paese vicino a Rovigo, e, come scrive Lionello, "arrivato a spegnere venti grosse candeline dopo aver attraversato gli Anni zero e aver affrontato con coraggio questo tempo così periglioso e distratto, ma carico di tensioni positive ed entusiasmo".

Hanno scritto per il libro: Michele Lionello, Riccardo Noury, Giovanni Stefani, Paolo Pobbiati, Marta Dolcetto, Antonio Marchesi, Daniele Silvestri, Ivano Fossati, Modena City Ramblers, Paola Turci, Carmen Consoli, Simone Cristicchi, Enzo Avitabile, Mannarino, Edoardo Bennato, Nada Malanima, Perturbazione, Piotta, The Sun, Diodato, Mirella Zambello, Daniele Grossato, Annita Cecchetto, Patrizia Vita, Elisa Orlandotti, Savino Zaba, Giordano Sangiorgi, Giò Alajmo, Enrico Rigolin, Silva Rotelli, Melania Ruggini, Zentequerente, Marco Cortesi, Alberto Gambato e Laura Fasolin, Natalino Balasso, Versi Banditi, Sungift, Nuovi Orizzonti Artificiali, Riserva Moac, 'A67, Mud, Piccola Orchestra Karasciò, Leo Miglioranza, Andrea Dodicianni, Marmaja, Anna Luppi, Les Fleurs des Maladives, Adolfo Durante, Golaseca, Riky Anelli, Do'Storieski, Carlo Valente, Elisa Erin Bonomo, Amarcord, Nevruz, Tukurù.

Il libro contribuisce a sostenere le campagne di Amnesty International Italia ed è stato realizzato all'interno del progetto Arte per la Libertà con il supporto del MiBACT e di SIAE, nell'ambito dell'iniziativa "Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura".

"Voci per la libertà - Una Canzone per Amnesty"
20 anni di musica e arte per i diritti umani. Le emozioni raccontate in testi e immagini
Apogeo Editore, 2017
Un progetto dell'Associazione Voci per la Libertà a cura di Michele Lionello con la collaborazione di Enrico Deregibus e Paolo Spinello.
Foto di Silva Rotelli, Francesco Pozzato, Gianpaolo "Wally" Vallese, Andrea "Artax" Artosi
. Progetto grafico di Marta Moretto
176 pagine, euro 18.00
ISBN 978-88-99479-26-8





venerdì 1 dicembre 2017

Editoria. Fabio Volo a Modena col suo nuovo libro: lunedì al BPER Forum Monzani

Fabio Volo a Modena col suo nuovo libro: lunedì al BPER Forum Monzani

Fabio Volo a Modena col suo nuovo libro: lunedì al BPER Forum   MonzaniQuarantacinque anni, un talento multiforme tra radio, tv, scrittura e recitazione, Volo ha scritto un nuovo romanzo, il nono, che si intitola "Quando tutto inizia". 

Racconta la bellezza del «fare un passo indietro, per farne fare uno davanti alle persone che si amano», o anche che: «1 è meno bello di 3 o 4». 

L'autore presenta il suo libro al BPER Forum Monzani di modena lunedì 4 dicembre.

Si può davvero prendere una pausa dalla propria vita? 

Forse le persone che incontriamo ci servono per capire chi dobbiamo diventare, e le cose importanti iniziano quando tutto sembra finito. 

Se lo chiede Fabio Volo nel suo ultimo romanzo "Quando tutto inizia" (Mondadori), che presenta a Modena al BPER Forum Monzani lunedì 4 dicembre alle 21.15:  sullo sfondo di una narrazione che trascina fino all'ultima pagina c'è la sempre più difficile scelta tra il noi e l'io, tra i sacrifici che facciamo per la nostra realizzazione personale e quelli che siamo disposti a fare per un'altra persona, per la coppia o la famiglia.

Silvia e Gabriele si incontrano in primavera, quando i vestiti sono leggeri e la vita sboccia per strada, entusiasta per aver superato un altro inverno. La prima volta che lui la vede è una vertigine. 

Lei non è una bellezza assoluta, immediata, abbagliante, è il suo tipo di bellezza. Gli bastano poche parole per perdere la testa. 

Fuori c'è il mondo, con i suoi rumori e le sue difficoltà, ma quando stanno insieme nel suo appartamento c'è solo l'incanto: fare l'amore, parlare, essere sinceri, restare in silenzio per mettere in ordine la felicità. 

Fino a quando la bolla si incrina, e iniziano ad affacciarsi le domande. Questo libro racconta una storia d'amore, ma anche molto di più. 

I sentimenti sono rappresentati nelle loro sfumature e piccole articolazioni con la semplicità e l'esattezza che rendono Fabio Volo un autore unico e amatissimo dai lettori italiani e non solo. 

Il libro è una riflessione sulla differenza tra essere felici ed essere felici insieme.

Fabio Volo è scrittore, attore, conduttore televisivo e radiofonico. Ha pubblicato Esco a fare due passi (2001), È una vita che ti aspetto (2003), Un posto nel mondo (2006), Il giorno in più (2007), Il tempo che vorrei (2009), Le prime luci del mattino (2011), La strada verso casa (2013), È tutta vita (2015) e A cosa servono i desideri (2016), tutti editi da Mondadori. 

I suoi libri sono tradotti in molti paesi del mondo.




--
www.CorrieredelWeb.it

domenica 19 novembre 2017

Si chiude domani 20 novembre 2017 la XIX edizione di scrittorincittà


SCRITTORINCITTÀ 2017
XIX EDIZIONE
Cuneo, 15 – 20 novembre


Si chiude domani 20 novembre 2017 la XIX edizione di scrittorincittà. Oltre 180 appuntamenti per adulti, ragazzi e bambini con scrittori, giornalisti, artisti e protagonisti di tutti gli ambiti: dalla letteratura all'arte, dallo sport al cinema, dalla scienza alla musica. 

Come ogni anno la grande partecipazione e l'affetto del pubblico hanno reso questo appuntamento unico nel panorama italiano; scrittorincittà è un festival diffuso e soprattutto con un forte legame con la città, dove protagonisti – accanto agli autori – sono i cittadini, i volontari, le scuole, i giovani. 

La grande affluenza di pubblico e i tanti incontri andati esauriti confermano ancora una volta lo stretto legame tra il festival e la città, che anche in questa edizione ha mostrato calore e partecipazione riempiendo le sale, i cinema e i teatri. 

"Scrittorincittà è molto amato dalla città ma anche dagli scrittori che vi partecipano, che ogni anno vengono accolti da un pubblico attento, che vuole conoscerli non solo come autori ma anche come persone" spiega l'assessore alla Cultura di Cuneo Cristina Clerico "Questo è uno degli aspetti più importanti del festival, e che ci differenzia dalle altre manifestazioni letterarie nazionali. Scrittorincittà non è una fiera, qui gli autori trovano un'atmosfera di grande familiarità, tanto che spesso ci chiedono di poter tornare e portare con sé la propria famiglia. Questo è lo spirito con cui stiamo lavorando per fare di Cuneo Capitale della Cultura 2020", continua l'assessore, "intendendo la cultura come bene comune per cui lavorare insieme in modo partecipato, nel rapporto continuo tra il territorio e chi ci vive, valorizzando le radici che hanno segnato non solo il nostro modo di essere ma anche la nostra storia nazionale". 

Attorno al tema del programma di quest'anno – Briciole – autori italiani e stranieri sono stati chiamati a esprimersi, riflettere, confrontarsi con i lettori di ogni età. Gli incontri sono stati pensati per mettere a confronto chi legge e chi scrive, chi disegna e chi racconta, con modalità sempre diverse e originali. Particolarmente apprezzati gli incontri che hanno unito musica e letteratura, così come gli spettacoli pensati appositamente per il festival, come l'evento di sabato 18 novembre al Teatro Toselli dedicato alla divulgazione scientifica. 

Tantissimi gli ospiti italiani e stranieri di questa edizione, tra cui: Marco Baliani, Alessandro Barbero, Guido Brera, Eva Cantarella, Gianrico Carofiglio, Massimo Cirri, Marco Damilano, Maurizio De Giovanni, Donatella Di Pietrantonio, Geoff Dyer, Fabio Geda, Nicola Gratteri, Pietro Grasso, Paula Hawkins, Luigi de Magistris, Luigi Manconi, Ezio Mauro, Vito Mancuso, Michela Marzano, Ezio Mauro, Francesco Merlo, Valeria Parrella, Clara Sanchez, Mario Tozzi. 

Anche in questa edizione, grande adesione degli istituti scolastici e degli insegnanti, che dalle materne alla superiori hanno collaborato e pianificato con gli organizzatori decine di incontri nelle scuole della città, portando il festival direttamente nelle classi e coinvolgendo oltre 9400 studenti. Tantissime anche le scuole che sono  arrivate ad animare le sedi di scrittorincittà, per scoprire insieme agli insegnanti gli autori e i libri del programma ragazzi. Oltre 80 appuntamenti andati esauriti fin dall'apertura delle iscrizioni, con lunghe liste d'attesa. 

Il festival è reso ancora più ricco dall'impegno e dalla passione di oltre 200 volontari che come ogni anno animano i diversi luoghi di scrittorincittà, impegnati in prima persona nell'accoglienza del pubblico, nella gestione dei servizi e anche nella comunicazione, con una redazione social composta prevalentemente da giovanissimi che va ad arricchire con testi e immagini i canali ufficiali del festival.



--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 9 novembre 2017

Poesia. X Concorso – “Il Saggio-Auletta Terra Nostra”

X Concorso – "Il Saggio-Auletta Terra Nostra"
Il Concorso si articolerà in tre sezioni:

Sezione A - Poesie a tema libero in lingua italiana;

Sezione B - Poesia a tema libero in vernacolo;

Sezione C - giovani a tema libero (fino a 18 anni al 15 dicembre 2017).

Quota di partecipazione - Per ogni poesia iscritta al concorso nelle sezioni A - B si richiede un contributo di partecipazione di 10,00 Euro. Per ogni gruppo di tre poesie il contributo richiesto è di 25,00 Euro. La sezione C è gratuita. 

Ogni concorrente può partecipare con un numero illimitato di poesie. Tale contributo servirà a coprire parzialmente le spese organizzative. La quota di partecipazione può essere cumulabile tra le sezioni A e B. 

La quota di partecipazione dovrà essere versata sul CCP 1009316868 intestato a Centro Culturale Studi Storici - 84025 Eboli (SA), indicando nella causale X Concorso Internazionale di Poesia "Il Saggio-Auletta Terra Nostra".

Copie - I concorrenti debbono inviare 4 copie per ogni poesia, una ulteriore copia completa di nome e cognome, indirizzo, recapito telefonico ed eventuale indirizzo e-mail. Onde evitare errori d'interpretazione le poesie debbono essere inviate scritte in stampatello o digitate.

Sezione B - Possono partecipare poesie scritte in qualsiasi dialetto parlato in Italia purché corredate da traduzione.

Scadenza del bando - Le poesie dovranno pervenire unitamente alla copia della ricevuta di versamento, non oltre il 15 dicembre 2017 (vale il timbro postale) a: Centro Culturale Studi Storici – Piazza Castello - 84031 Auletta (SA).

Premi - La Giuria, il cui giudizio è insindacabile ed inappellabile, premierà i primi dieci classificati più altri premi speciali delle sezioni A, B, C, targhe, diplomi ed altro. Tutte le poesie potranno essere pubblicate su "Il Saggio", rivista di cultura, organo del Centro. Ogni poeta deve ritirare personalmente il premio attribuitogli e, solo per gravi motivi gli è consentito delegare per iscritto qualcuno che intervenga in sua vece. La cerimonia di premiazione avrà luogo in Auletta (SA) Nel Marzo 2018. La partecipazione al concorso implica l'accettazione incondizionata del presente regolamento.

Annotazione - Le poesie pervenute non verranno restituite e potranno essere utilizzate per un'eventuale pubblicazione edita dal nostro Centro. Ogni opera dovrà essere frutto esclusivo del proprio ingegno. Le poesie oggetto di plagio saranno automaticamente escluse dal Concorso ed il partecipante sarà cancellato dall'elenco dei poeti del Centro Culturale Studi Storici. E' vietata la partecipazione al Concorso a tutti quelli che fanno parte della Redazione de "Il Saggio", del Direttivo del Centro Culturale, nonché ai collaboratori editoriali e loro parenti di primo grado e al direttivo dell'Associazione "Auletta Terra Nostra".

Legge 675/96 - Il Centro Culturale Studi Storici assicura che i dati personali acquisiti vengono trattati con la riservatezza prevista dalla legge e saranno utilizzati esclusivamente per l'invio di informazioni. Ogni poeta può richiedere la cancellazione dagli elenchi cartacei e telematici del Centro inviando una semplice comunicazione.
Berniero Barra



--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 2 novembre 2017

Poesia: Premio Nazionale Elio Pagliarani. Lunedì 6 novembre al Teatro Argentina di Roma

Premio Nazionale Elio Pagliarani

EDIZIONE 2017


 

Il Premio Nazionale Elio Pagliarani, che ha lo scopo di promuovere e valorizzare, nello spirito sperimentale del poeta, la scrittura poetica e la ricerca letteraria che dimostrino qualità creative ed espressive originali nell'innovazione linguistica, giunto alla sua terza edizione, verrà assegnato lunedì 6 novembre, ore 18.00, nella sala Squarzina del Teatro Argentina.  

Il Premio è articolato nelle sezioni Poesia edita, Poesia inedita e Premio alla carriera.              

Per la sezione Poesia edita, le raccolte finaliste dell'edizione 2017 del premio Nazionale Elio Pagliarani sono: Primine di Alessandra Carnaroli (Edizioni del Verri), La primavera fa ridere i polli di Michelangelo Coviello (Edizioni del Verri), Strettoie di Marco Giovenale (Arcipelago Itaca), Controlli di Rosaria Lo Russo (Mille gru), Esercizi di vita pratica di Gilda Policastro (Edizioni Prufrock spa) e Power Pose di Michele Zaffarano (Edizioni del Verri). 

La Presidente ha ammesso alla finale sei raccolte in quanto due di esse hanno avuto lo stesso punteggio in quinta posizione.

Per la sezione Poesia inedita, le raccolte finaliste sono: Laddove dovresti cominciare a cadere di Gianluca Garrapa, Archivio privato di Simone Marcelli e Il libro dei liquidi di Irene Santori.

Quest'anno il Premio alla carriera è attribuito al poeta e narratore romano Carlo Bordini.
Presidente onorario per tutte le sezioni, per l'edizione 2017 del Premio, Giulia Niccolai, premio alla carriera nella seconda edizione del premio.

Il premio è una delle attività dell'Associazione letteraria Elio Pagliarani dedicata allo studio della poesia contemporanea.

Lunedì 6 novembre, ore 18.00
Sala Squarzina Teatro Argentina
Largo di Torre Argentina, 52 Roma
Ingresso libero



Ore 18,00 Saluti Cetta Petrolio Pagliarani, Antonio Calbi e Emanuele Bevilacqua
Conduce Maria Grazia Calandrone
Ore 18,30 Presentazione dei finalisti Lettura di una loro poesia
Ore 19,10 Premiazione alla carriera Lettura della motivazione
Consegna dell'opera di Emilio lsgrò "Rosso Pagliarani" a Carlo Bordini
Ore 19,30 Lettura di Carlo Bordini
Ore 19,50 Premiazione dei vincitori Lettura di una loro poesia

Tolfa Gialli&Noir, al via la 6a edizione del Festival letterario

11 novembre al via il FESTIVAL LETTERARIO "TOLFA GIALLI&NOIR" V EDIZIONE

L'11 novembre si inaugura la Vi edizione dell'anticonformista Festival letterario dedicato al mondo del noir, organizzato dall'Associazione Chirone con il sostegno della Fondazione CARICIV. 

Caratterizzato da un intrigante svolgimento teatrale e scenografico, l'evento nasce con l'obiettivo di promuovere la scrittura e la letteratura dedicata al settore dei gialli

L'evento è aperto al pubblico a ingresso gratuito.



Dopo il grande successo riscosso la scorsa edizione, torna l'11 novembre alle ore 21, al Teatro Claudio di Tolfa (RM), il Festival letterario "Tolfa Gialli&Noir" organizzato dall'Associazione Culturale Chirone con il sostegno della Fondazione CARICIV -  Cassa di Risparmio di Civitavecchia.

Una
manifestazione anticonformista, rivoluzionaria nel suo genere, anzitutto per il suo assetto scenografico e teatrale, nel quale gli ospiti e i protagonisti del Festival sono coinvolti in prima persona con improvvisi interrogatori, colpi di scena, test e performance letterarie

Un format che ha letteralmente conquistato il pubblico del Festival e i suoi partecipanti, riuscendo a toccare tematiche profonde e attuali con un giusto balance tra divertimento e serietà e un forte coinvolgimento degli spettatori. 

Altra peculiarità dell'evento, è l'oramai attesissimo promo video del Festival, che si rinnova ad ogni edizione con una grande regia di Angelo Paoletti, e che vede protagonista lo staff del Festival in inedite ed esilaranti sceneggiature noir. 


Come da consuetudine, il primo dei due appuntamenti - sabato 11 novembre - è dedicato al "Premio Lettarario Glauco Felici - Tolfa Gialli&Noir Fondazione CARICIV" giunto alla IV edizione e dedicato ai giallisti italiani under 45

Quest'anno il Premio avrà un valore emozionale ancora più grande, ricorrendo il quinto anno dalla scomparsa dell'ideatore del Festival Glauco Feliciuno dei più importanti traduttori e ispanisti italiani del secondo Novecento.

Prima dell'annuncio del vincitore, i tre finalisti del Premio - Maria Silvia Avanzato con "Anemone al buio" (Fazi Editore), Darien Levani con "Toringrad" (Edizioni Spartaco) e Pierluigi Vito con "Quelli che stanno nelle tenebre" (Robin Edizioni) - racconteranno sul palco la loro opera al pubblico e alla giuria presieduta da Malù Felici, intervistati e incalzati dal criminlogo Gino Saladini, istrionico e carismatico presentatore fisso del Festival (a sua volta autore di gialli). 

Insieme lui, Franco Limardi (grande esponente del settore giallistico italiano) e la tedesca Viktoria Von Schirach (editor e traduttrice di molte case editrice per autori italiani nonché per il Goethe-Institut di Roma la rassegna "Freschi di stampa"

Attualmente lavora come Literary Scout presso Random House Germany e come direttore editoriale per la casa editrice italiana Emons Audiolibri). 


IL FESTIVAL
Il Festival è stato ideato da Glauco Felici e da Antonella Biondi, con l'obiettivo di promuovere la scrittura e la letteratura dedicata al mondo dei gialli, sia a livello italiano che internazionale, attraverso una serie di incontri tra scrittori e pubblico in un assetto teatrale e con una atmosfera surreale, enfatizzando temi, personaggi ed autori attraverso particolari scenografie, musiche, ospitato. 

Negli anni, hanno partecipato al Festival diversi autori e personalità del settore italiani tra cui Franco Limardi, Francesco Bruno, Marco Malvaldi, Massimo Lugli, Paolo Collo, Luca Crovi, Gianni Biondillo, Annalisa Venditti, Orietta Cicchinelli, Elisabetta Bucciarelli, Roberto Costantini, Maurizio De Giovanni, Gian Mauro Costa ed i norvegesi Tom Egeland, Jorgen Brekke, Thomas Enger, Kjell Ola Dahl, Ingar Johnsrud. 

I vincitori delle precedenti edizioni del Premio Glauco Felici: Massimiliano Carocci nel 2014 con il libro "Milano City Blues", Piergiorgio Pulixi nel 2015 con "La notte delle pantere", Paolo La Peruta nel 2016 con "Senza pace".

INFO EVENTO 2017
11 novembre ore 21 - ingresso gratuito
Teatro Claudio - viale d'Italia, 102  TOLFA (RM)


CONTATTI
Associazione Culturale Chirone
Via del Giardino 84 c, 00059 Tolfa (Rm)
Telefono 0766/92127. Cellulare 389/7824847
                     

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *