Cerca nel blog

giovedì 10 dicembre 2015

Omaggio a Tito Schipa. Il tenore Francesco Spedicato a Cavallino

Dalle scene dei teatri d’oltreoceano al Salento: il maestro Francesco Spedicato si esibirà il 13 dicembre 2015 a Cavallino, paese originario della famiglia paterna, dove ha vissuto i suoi primi vent’anni. 

Calcare le scene del Teatro “Il Ducale” sarà un’emozione grandissima, perché lo spettacolo anticiperà, di tre giorni, il cinquantesimo anniversario della morte di Tito Schipa (avvenuta a New York il 16 dicembre 1965) e perché a Cavallino i fratelli Spedicato, Francesco e Matteo, hanno imparato a camminare, a percorrere le stradine in bicicletta pedalando chilometri e sogni. 

La musica, in primis, per entrambi, sostenuti dal loro nonno Mario che ha alimentato sin da piccoli la loro passione. “Ci capita di pensare a lui ogni volta che saliamo sul palco e sappiamo che, da qualche parte, è orgoglioso di noi. – ricorda Francesco Spedicato, che aggiunge: “Siamo grati al Comune di Cavallino, al sindaco Michele Lombardi e all’assessore alla cultura on. Gaetano Gorgoni per aver scelto la nostra commedia musicale per ricordare e rendere omaggio al grande Tito Schipa nel cinquantesimo della morte”. Dopo un breve tour italiano, la compagnia di Orpheo del maestro Spedicato ripartirà nel prossimo aprile alla volta di Bielorussia, Spagna e Usa. 

“Non sono un tenore ma un uomo che canta da tenore” è una commedia musicale, un sentito tributo al grande tenore leccese, autentico simbolo dell’internazionalità salentina. Un atto unico per un vero e proprio viaggio nel repertorio della canzone classica e non, con Vivere e Torna Piccina dell’intramontabile Bixio, passando per Napoli con brani celebri, Reginella, E Spingule francese, I’ te vurria vasa’, Marechiare e tornando in Puglia con le note di Nino Rota in Brucia la luna e brani cult dell’indimenticabile Domenico Modugno: Nel blu dipinto di blu e Vecchio Frack. Grande importanza è data al repertorio e al dialetto salentino, siglando il sentito omaggio all’usignolo leccese. 

La trama è un classico ambientato nell’Italia di primo Novecento: la storia d’amore tra il Tenore e Reginella, quest’ultima interpretata dalla giovanissima e talentuosa Claudia Presicci, costretti a lasciare la propria terra natia, nella speranza di una vita migliore. La loro storia si intreccia con quella dell’emigrante, interpretato dalla pianista bielorussa Sviatlana Rynkova e dell’Altro io interpretato da Matteo Padula oltre che sulle note di pianoforte, percussioni e mandolini, strumenti simbolo dell’italianità nel mondo, ri-scoperti e ri-suonati con arrangiamenti nuovi e sorprendenti nella loro modernità. 

Il tutto accompagnato dalle note dei musicisti Gaio Ariani (I mandolino), Lorella Falcone (II mandolino), Sergio Vacca (mandòla), Vito Mannarini (chitarra), Matteo Spedicato (percussioni) che sono parte integrante dello spettacolo nei panni dei Pescatori di nuvole. Le scenografie sono anch’esse una novità, si tratta di quinte virtuali grazie alle coloratissime proiezioni animate dei visual artist Piero Schirinzi e Andrea Raho, e il video della statunitense Laura Clifton Byrne, un omaggio in fotogrammi al Salento. 

Originali i bellissimi arrangiamenti del M° Leonardo Lospalluti, Vito Mannarini ed Eliseo Castrignanò, quest’ultimo anche direttore musicale dello spettacolo. Direttore di produzione è invece Andrea Rizzo

I biglietti, 8€ intero e 5€ il ridotto, sono disponibili presso il botteghino del teatro. 

Info: 331\6393549 o 0832\611208, mail: teatroilducale@yahoo.it

Nessun commento:

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI